Archivio | Kanzi recensisce RSS feed for this section

Amore a prima vista. Il primo reality tamarr-show.

1 Ott

Era dai tempi di Colpo di Fulmine, presentato dalle zizze di Alessia Marcuzzi, che non vedevo un format così originale fatto con gente ignara presa in mezzo alla strada.

Lasciatevi conquistare dalla parlantina di Mr. Antoine, il perfetto cicerone ciafardo extralarge che vi introdurrà ai segreti della posteggia alla napoletana.
Scoprirete tutti i trucchi di rimorchio di un vero tamarro napoletano: Walter, 22 anni. Come difetto è orgoglioso e lunatico, come pregio “ha forse quello di essere troppo bello”.

Scoprite con noi se riuscirà in 7 giorni a conquistare una sorpresissima Lisa e a portarsela in un magico weekend offerto da Mr Antoine.

Marò, c’ho i brividi.

iPhone 5. I commenti del Bonobo.

13 Set

È uscito ieri il nuovo iPhone 5, il primo iPhone dopo la morte di Steve Jobs. Ve lo dico casomai non aveste acceso facebook o la tv tra ieri e oggi…

Non potevo esimermi dal fornire il mio superfluo giudizio, con la speranza malcelata di tirar su un po’ di visite al blog.

1- Finalmente hanno creato uno schermo più grande.

 

2- Purtoppo, le vecchie app si vedranno come sul vecchio schermo. Il nuovo verrà riempito da una banda nera. Fatevi il culo developer!

 

3- Il design. Quello di Apple sanno farlo.

 

4- Se hai una docking station, o qualsiasi altro gadget che si connetteva al tuo iPhone precedente, sarai costretto a comprare un nuovo adattatore. Che ti vendono a parte a peso d’oro.

 

5- Nuove cuffie. Era ora.

 

 

Non preoccuparti: se condividi queste immagini, la Apple non andrà in fallimento!

 

Estate.

12 Lug

Finalmente l’estate.

Irrimediabilmente, ognuno di noi associa i più bei ricordi della propria vita a questo periodo dell’anno: i primi baci, le prime sbronze, le prime malattie veneree…

E ogni volta che si pensa all’estate, una canzone in particolare riecheggia nelle nostre orecchie.
C’è chi pensa a Vasco, con Voglio andare al mare, chi a Giuni Russo e ad Alghero, chi a Bruno Martino e alla sua malinconica Estate…

Invece io non riesco a fare a meno di pensare a uno dei più sottovalutati talenti dell’hip hop nostrano, troppo duro per entrare nelle hit trasmesse da Radio Dj e 105: Lil Angel$.

Enjoy “Estate”.

 

Sexy baby, sexy mamy
gireranno con, gireranno con
farò grandi cose quando le giornate saranno perfette
il divertimento sarà alle stelle
serate con varie modelle
perché noi attendiamo l’estate.

Marracash. Un rapper troppo tosto per i Pokemon.

25 Giu

Premessa: odio indistintamente tutta la “scena” rap/hip hop italiana.
Schifo i rapper finti duri che sparano cazzate su quanto siano stati disagiati, nati poveri in quartieri malfamati e con la strada come unica prospettiva e maestra di vita. Una palestra che li ha fatti diventare dei tipi tosti tosti tosti.
Mi stanno sulle palle, con quelle loro rimette del cazzo e i loro video pieni di cliché, i testi ridicoli come le loro smorfie da tipi fighi, gli “yo bro”, le mosse astruse con le mani e tutta la loro strafottutissima iconografia. Loro, Justin Bieber o marco Mengoni sono sullo stesso, patetico livello.

Trovo ancor più ridicoli quelli che seguono questa “scena”: proletari che fanno i debiti per vestirsi di merda con marche di nicchia dai prezzi assurdi e figli di papà che fanno i fighi emulando i rapper perché credono che rappresentino “la vita di strada”. Cantano e si atteggiano come loro e si sentono tremendamente fighi.

Per fortuna una grossa mano nello screditare tutta ‘sta scena del cazzo me la dà ora uno dei rapper-dall’infanzia-disagiata più famosi in Italia, Bartolo Fabio Rizzo, in arte Marracash. Un povero bambino sfortunato, immigrato ed emarginato nella periferia di Milano, arrivato al successo grazie ai suoi testi strappalacrime:

Da bimbo le prendevo con la cinghia
Ora chiamate un dottore
Un esorcista
Ma legatemi al letto
O ribalto tutto quando esco
Non scherzo

Povero Marracash. Quanta pena mi fai.
Te ne dovevano dare di più, ma con la spranga.

Ma dimmi un po’ Marracash, quanto cazzo è da tipi duri far combattere tra loro i Pokemon? E quanto è tosto il temibile Rashian?

Vabbè, d’altronde cosa aspettarsi da uno che come modello di riferimento aveva gli 883?

La hit del giorno. Succhiati una menta. Valentina Farci.

14 Giu

Per la trascurata rubrica Kanzi recensisce, eccovi Valentina Farci con la sua hit trash “Succhiati una menta”.
Era dai tempi di Jo Squillo che il panorama italiano non produceva una cantante trash di questo livello.
Godetevela, che questo vi meritate.

The shoes. Time to dance. Ovvero Jake Gyllenhaal ammazza hipster.

16 Mar

Amo questo video.

Crepate tutti, bastardi hipster!

Maccio Capatonda – La terra dei morti contribuenti.

8 Mar

Maccio Capatonda è un genio.

Su questo c’è poco da eccepire.

In due minuti di video, Maccio fotografa perfettamente la situazione italiana su lavoro e riforme pensionistiche e ci mostra qual è l’unico modo a disposizione di questa generazione di trentenni sfigati (cit.) per godere, in un futuro sempre più remoto, dell’agognata pensione.

Se la quotidianità è un horror, allora la fantascienza è l’unico modo per arrivare al futuro, perché, come dice la voce narrante… Quando l’età pensionabile avanza, la morte non basta più!

Buona visione!

 

Cast:

Maccio Capatonda as Eddie Larva

Anna Pannocchia as il cesso della moglie

Herbert Ballerina as il minimizzatore

uno straordinario Rupert Sciamenna ne il Vigile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: