La solidarietà di Kanzi per il Califfo.

9 Nov

Come probabilmente saprete, ieri Franco Califano, detto il Califfo, ha lanciato un disperato appello: è malato, solo e indigente e chiede l’aiuto dello stato.

A causa di un incidente domestico il cantautore romano, ma di origini della provincia salernitana (Pagani), si è rotto tre vertebre e non più fare serate per il suo pubblico. La versione ufficiale del cantante vuole che sia caduto dalle scale, ma una “gola profonda” ci ha informato che in realtà il settantaduenne stava provando a fare sesso estremo saltando dall’armadio con un’animatrice di un locale genovese che gli aveva presentato Lele Mora.
Il Califfo ha chiesto l’aiuto dello Stato, invocando il sussidio previsto dalla legge Bacchelli. I circa 10 mila euro al semestre che percepisce dalla Siae come diritti d’autore infatti, non gli garantiscono un tenore di vita accettabile: «Vivo in affitto e non sono più autosufficiente, c’ho ‘sta piccola rendita, ma nun me basta». Come dargli torto: lo sapete voi quanto costano mignotte d’alto bordo e il Viagra necessario per fargli funzionare l’apparato?

L’autore di indimenticabili successi come “Minuetto”, “Tutto il resto è noia”, “La Musica è finita” chiede quindi il nostro aiuto e quello dello stato e pare che al momento si sia interessato il senatore del pdl Domenico Gramazio, che conferma: «Presenterò al ministro Bondi la proposta. Perchè è un poeta che ha scritto alcune delle canzoni più belle della storia della musica». E sarebbe proprio il caso che Bondi, invece di pensare a scrivere poesie o a quattro pietre vecchie che se ne cascano a pezzi, tutelasse un vero patrimonio della cultura italiana.

Oltre ai successi già citati, Kanzi vi propone una rara perla dello sterminato repertorio del cantautore per cui sarà sempre ricordato: “Avventura col travestito”. Si tratta di un testo raffinato, arguto e quanto mai attuale, in questo momento storico in cui tutto il paese va a puttane, spesso per continuare a prenderselo nel culo.

Se il governo o lo stato non si dovesse interessare a questo caso sarebbe veramente uno scandalo, anche visto il curriculum di tutto rispetto del Califfo: anni di dipendenza dalla cocaina, migliaia di amanti e due arresti per possesso di stupefacenti e porto abusivo d’armi. Francamente stupisce che non sia mai entrato in politica.

Califfo siamo con te.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: